MENU: scegli i servizi che ti interessano

giovedì 1 aprile 2010

Le Stazioni Fantasma della Metro

La Metropolitana di Parigi conta ufficialmente ben 300 stazioni differenti sparse sull'area urbana. A queste 300 stazioni usufruibili dagli utenti si aggiungono però un discreto numero di stazioni che sono denominate "fantasma", ovvero che nonostante esistano ancora sono in totale stato di abbandono in quanto non svolgono più la loro funzione.
Le stazioni metro ormai completamente inaccessibili al pubblico sono 4:
  • Arsenal (linea 5, tra le stazioni Quai de la Râpée e Bastille) MAPPA;
  • Champ de Mars (linea 8, tra le stazioni La Motte Picquet - Grenelle ed École Militaire) MAPPA;
  • Croix-Rouge (linea 10, tra le stazioni Sèvres-Babylone e Mabillon) MAPPA;
  • Saint-Martin (linee 8 e 9, tra le stazioni Strasbourg - Saint-Denis e République) nel video annesso MAPPA.
Dunque se vi capiterà di utilizzare questi tratti di linee ponete molta attenzione fuori dai finestrini, per poter cogliere queste stazioni rimaste congelate nel tempo. Sono buie, misteriose e creano un certo fascino anke agli stessi parigini che ne conoscono l'esistenza (molto pochi!).


Queste stazioni infatti sono rimaste chiuse fin dal 1939 a causa dell'elevato costo di esercizio che richiedevano, ed a causa della elevata vicinanza alle stazioni seguenti sulla stessa linea.
Per lo stesso motivo altre stazioni metro furono chiuse nello stesso periodo ma successivamente riaperte e tutt'oggi funzionanti:
  • Varenne;
  • Bel-Air;
  • Rennes;
  • Liège;
  • Cluny.
Per altri motivi esistono invece due stazioni che, nonostante siano state costruite, non hanno mai visto un passeggero sulle loro banchine:
  • Porte Molitor;
  • Haxo.
Costruite su due tratti di metropolitana che collegano due linee diverse tra loro, queste stazioni sarebbero dovute essere utilizzate durante eventi ed occasioni particolari. In realtà queste linee non sono mai entrate in servizio se non come parcheggio per i treni. Le due stazioni addirittura non sono mai state dotate di accessi dalla via pubblica.


Ogni tanto queste stazioni però "rinascono" e vengono riutilizzate anche se non per il trasporto di persone: esse vengono allestite ad esempio come set cinematografici, come ornamento esotico (per anni la stazione Croix-Rouge è stata "trasformata" in una sorta di spiaggia) o come spazio pubblicitario un po' particolare (nel 2010 la stazione Saint-Martin ha lanciato la nuova Nissan Qashqai con tanto di macchie multicolore sparse per la stazione).


Questo è dunque un nuovo mondo incantato e misterioso, inaccessibile ai più (un po' come le Catacombe parigine) se non per qualche secondo passandoci velocemente a bordo di un treno.

Curiosamente esistono anche delle "stazioni" che sono delle semplici "scatole vuote sotterranee" di cemento armato le quali non hanno alcun accesso in superficie ed addirittura non sono connesse ad alcuna linea Metro.
Queste sono tre, di cui due si trovano nel quartiere della Defense ed una in prossimità dell'Aeroporto parigino di Orly.

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo commento